Ogni giorno sembra che il poker live debba esplodere da un momento sia in positivo che negativo, ma intanto ci sono storie belle che si devono raccontare perché fanno vedere il lato romantico e professionale che solo questo settore in costante fermento è capace di creare.

Parliamo di una giovane donna, anche se il nome è solitamente maschile, ma che le rende già a priori un fascino particolare. Andrea Cabboi, toscanaccia nel DNA, è cresciuta professionalmente tra i tavoli da poker fino ad arrivare a trasferirsi definitivamente a Malta, dove ora lavora e si è ricostruita una vita molto affascinante, ma andiamo a conoscerla meglio.

Ha iniziato quando aveva 20 anni per seguire l’ex compagno in toscana, il quale aveva un poker room live. All’inizio come ragazza al desk incaricata di prendere le iscrizioni e accogliere i soci, dopo pochi giorni e accolto i ripetuti inviti da parte dei players di vederla al tavolo da gioco, inizia a fare pratica con i sit & go, per poi non fermarsi più.

Un collega che ai tempi lavorava in eventi europei le fece un breve corso per iniziare a lavorare per tornei importanti, dove non si poteva più fermare il piccolo timer se avesse sbagliato qualcosa al tavolo, quindi aumenta la responsabilità e si appassiona sempre di più.

Grazie al carattere da toscanaccia esuberante e simpatica ci mette poco a farsi notare e anche i suoi impegni iniziano a prendere diverse strade, compresa quella da “reporter” per i giocatori che si classificavano nei circoli italiani per eventi importanti e un articolo per lo Shark Magazine del Casinò Perla, dove raccontò la sua storia.

Anche con Poker art canale 89 del digitale terrestre con Emanuele Nencioni le diede la possibilità di ricoprire un ruolo da comunicatrice. Donne di Poker, team formato da sole giocatrici, le diede la possibilità di partecipare ai primi Ladies Event nei Casinò Europei, con sponsor anche del gruppo Italian Tilters, ai tempi uno dei più numerosi su facebook.

Decide di approfondire le conoscenze frequentando la scuola Cerus a Roma,  dove si trasferisce per poche settimane, iniziando a fare esperienze in varie città europee con eventi internazionali che la fanno maturare molto. Dopo un anno si sposta a Milano dove vive per un anno, lavorando nelle sale poker  e continuando a viaggiare per lavoro.

Ora vive stabilmente a Malta da Giugno, dopo aver deciso di trasferirsi anche per seguire il cuore, ed è l’unico suo rimpianto ma anche la sua fortuna in quanto inizia a lavorare stabilmente al Casinò Portomaso imparando molto a livello interno della gestione poker room, cose che ovviamente una sala di città o un evento di una settimana in un Casinò non può darti. Poi c’è uno staff molto unito, formato, amichevole con il quale lega da subito.

Vivere e lavorare a Malta l’ha fatta crescere molto anche grazie a Manager preparati che hanno creduto e investito sulla sua formazione. Cresce anche caratterialmente, e riceve solo riscontri positivi, anche se le manca la famiglia e amici d’infanzia, ma ne ha anche trovati di nuovi.

Non sappiamo cosa farà o dove si troverò tra 10\15 anni, ma ci auguriamo che ricopra un ruolo di prestigio nel settore e che, con il tempo e un po’ di fortuna, possa anche trovare chi la farà vivere in serenità, comprendendo un lavoro sicuramente particolare ma in fondo, come tanti altri.

andrea_cabboi

https://i1.wp.com/www.ilgiornaledelpoker.com/wp-content/uploads/2016/10/andrea_cabboi.jpg?fit=650%2C350https://i1.wp.com/www.ilgiornaledelpoker.com/wp-content/uploads/2016/10/andrea_cabboi.jpg?resize=150%2C75Reina RiccardoIntervisteNewscabboi,casino,dealer,news,poker,portomasoOgni giorno sembra che il poker live debba esplodere da un momento sia in positivo che negativo, ma intanto ci sono storie belle che si devono raccontare perché fanno vedere il lato romantico e professionale che solo questo settore in costante fermento è capace di creare. Parliamo di una giovane...Quotidiano online gratuito sul gaming e poker