La mano che stiamo per descriversi è un perfetto esempio di cosa vuol dire fare un bluff avendo un “plan” chiaro in mente.

Ci troviamo alla Premier League e Jungleman con A-Q off apre under the gun per 2,5 sui bui 2000/4000 ricevendo il call sia di Laak dal cut off con J-10s sia di Colman dal big blind con 10-8 off.

Il board cita 5 A 5 e, dopo il check del big blind Jungleman c-betta 10000 su un pot di 36  ricevendo il fold di Laak e un check raise fino a 25000 di Colman. Jungleman decide di appoggiarsi in posizione sul BB e dopo il 7 di fiori che scende al turn, Colman continua il suo bluff piazzando un’importante bet di 40000 su un piatto che ha raggiunto quota 86000 dopo il precedente giro di scommesse del flop.

L’original raise inizia a sentirsi in difficoltà, vista l’assenza di progetti sul flop una giocata del genere non può certo essere classificata come semibluff, ma decide comunque di chiamare anche il turn.

Al river casca un 6 di cuori e colman, su un piatto che ha raggiunto ormai quota 166000 decide di andare immediatamente in all in per 136000. Jungleman a questo punto folda a malincuore dopo aver assegnato all’avversario un 5 nel range, cosa molto probabile, vista la dinamica della mano, avendo anche giocato contro un big blind.

La giocata di Colman ha funzionato innanzitutto perché il player ha saputo scegliere l’oppo giusto su cui farla e soprattutto perché la mano è stata plannata sin dall’inizio, Dan ha infatti deciso gia dal check-raise di rappresentare un 5.

Il fatto di giocare dal big blind ha ancor di più rafforzato la sua giocata e Colman ha sfruttato tutti questi elementi sapendo che un giocatore come Jungleman di fronte ad un action così strong su quel board, avrebbe passato qualsiasi asso se il bluff fosse stato portato con forza vanti fino al river.

Una giocata bellissima che chiarisce quanto sia importante avere una strategia se si vuole optare per un bluff, Colman, infatti, nel momento in cui ha check raisato il flop aveva già deciso cosa fare al turn e al river, avrebbe rinunciato al bluff solo se fosse cascato un altro asso.

Buona visione!

https://i2.wp.com/www.ilgiornaledelpoker.com/wp-content/uploads/2016/03/bluff-plan.png?fit=650%2C350https://i2.wp.com/www.ilgiornaledelpoker.com/wp-content/uploads/2016/03/bluff-plan.png?resize=150%2C75GongyboyNewsPoker Handsbluff,Dan Colman,Jungleman,news,poker,Premier LeagueLa mano che stiamo per descriversi è un perfetto esempio di cosa vuol dire fare un bluff avendo un “plan” chiaro in mente. Ci troviamo alla Premier League e Jungleman con A-Q off apre under the gun per 2,5 sui bui 2000/4000 ricevendo il call sia di Laak dal cut...Notizie sul gioco, news dai Casinò,  eventi internazionali e tornei di poker