La saga dell’errore… chiude un’estate torrida e zeppa di “erroracci”.

Bad-Run o Bad-Beat? Assolutamente no. Vogliamo riferirci a serie sfortunate di mani, avversari, giocate, ecc che duri settimane se non mesi.

Di subire una bad-beat capita a tutti e anche spesso in una giornata o in un torneo. E più se ne parla a sé e agli altri e più ci allontana dall’abilità e tranquillità nel giocare a Texas.

Come far fronte invece a lunghi periodi di varianza negativa?

Fate un passo indietro; rileggete il vostro periodo precedente al “nero” con calma. Andate a analizzare tutti i possibili “leaks” nel vostro gioco aiutandovi anche coi nostri articoli qui proposti da molto tempo. E cercate di capire se, uniti a un periodo di varianza negativa, questi vostri errori di abilità hanno inficiato ancor più negativamente sul momento “no”.

Partite quindi prima dal provare a correggere questi aspetti: nessuno ne è immune. Nemmeno i pro.

Se non trovate, o comunque trovate, ma poco, dei difetti, allora passate a analizzare la vostra situazione personale: economica, psicologica, di stress, ecc.  Come ad esempio il sonno può creare pericoli per un autista di bus, così per voi può crearlo un litigio con la moglie (proprio per esser banali, di certo il pericolo per la salute per sé e altri è davvero ben diverso).

I problemi psicologici poi possono essere anche endogeni al mondo del poker: la room su cui giocate, gli avversari che trovate live, ecc…tutti fattori che, talvolta non ce ne rendiamo conto, ma possono influenzarci non poco.

Sicuramente a questa analisi delle risposte chiunque ha saputo darsele. E “coltivandole” al meglio potrebbe notare che questa varianza negativa si possa frenare.

Se ad esempio vi siete accorti di fare errori tecnici, un consiglio può essere quello di giocare a livelli inferiori, più tavoli,  meno mani. E stare attenti a giocare “alla regola” (pur se tutti sappiamo che una regola non esiste, un tight-aggressive può esser la ricetta).

Se invece siete stressati o stanchi, valutate di prendervi qualche giorno di “stop” dal poker online.

Se ancora pensate che la poker-room sia “rigged” (si sa che non può essere, ma le leggende metropolitane influenzano chiunque) versate i soldi e giocate su un’altra: sarete sicuramente più rilassati.

Pochi piccoli esempi, ma l’invito è solo una: la varianza negativa c’è, succede, prima o poi chiunque ci passa. Ma con piccoli personali accorgimenti può esser accorciata o affrontata certamente in maniera più appropriata!

https://i0.wp.com/www.ilgiornaledelpoker.com/wp-content/uploads/2015/07/errori.png?fit=600%2C300https://i0.wp.com/www.ilgiornaledelpoker.com/wp-content/uploads/2015/07/errori.png?resize=150%2C150Dott.FigioNewsNozioni di PokerScuola:Strategiabad run,errori,news,nozioni di poker,poker,poker onlineLa saga dell’errore… chiude un’estate torrida e zeppa di 'erroracci'. Bad-Run o Bad-Beat? Assolutamente no. Vogliamo riferirci a serie sfortunate di mani, avversari, giocate, ecc che duri settimane se non mesi. Di subire una bad-beat capita a tutti e anche spesso in una giornata o in un torneo. E più se...Notizie sul gioco, news dai Casinò,  eventi internazionali e tornei di poker