Nel pomeriggio, dopo parecchio tempo, tornerò a fare una sessione di cash live.

E allora mi sono detto…perché non dare quattro dritte ai miei lettori riprendendo articoli passati e facendone una sorta di mini-guida per i primi approcci al cash?

Come prima cosa le prime partite a soldi veri “cash” vanno fatte online, quindi le mie prime dritte ve lo do in tal senso.

Livello di bui “micro”, magari scartiamo il più basso e partiamo dal secondo (di solito è 0,02/0,05).

Stack di ingresso? Il più alto possibile. Per ora niente “pere mentali” su short stack strategy e simili. Il massimo!

Numero giocatori? Meglio 6 e tavolo completo!

Non solo: online potete scegliere il tavolo ancora più approfonditamente. Le poker-room offrono una serie di statistiche che ci possono aiutare a una scelta più consapevole: nomi dei giocatori, soldi che hanno dinanzi, mani all’ora giocate, giocatori che mediamente vedono il flop, ecc.

Ma tra di essi un dato è molto importante: il piatto medio!

A parità di livello, più è alto tale dato, più sono seduti giocatori loose al tavolo, in grado di far girare molti soldi tra loro durante la partita cash. Se vi ritenete giocatori tight, questo è il tavolo che fa per voi!!!

Non da sottovalutare poi è il fatto che nel tempo al cash i giocatori cambino.

La loro tipologia cambia e il tavolo scelto potrebbe non far per voi.

Se avete aumentato il vostro stack del 50% o più non è errato valutare di spostarsi. Se siete in pari o “sotto” forse è preferibile provare a restare: infatti se si aggiungono giocatori loose con un po’ di pazienza sarà facile riprendersi qualche soldo!

I giocatori loose e sporadici al cash game sono una bella risorsa per molto regular e per novizi tight e attenti!

La cosa fondamentale?

Niente super-colla sulla stessa sedia!

Ci sono tanti di quei tavoli nella poker-room che dovete essere abili a cercare quelli più “grassi, grossi e loose”. Se vi trovate in un tavolo troppo tight dove i piatti sono bassi e i giocatori al flop sempre un paio: andatevene! A meno che non vogliate fare esperienza a costo zero!

Ciò vale sia in vincita (soprattutto in vincita dal doppio in su!) sia in perdita.

Nel primo caso perché più siete grossi rispetto alla media del tavolo, più vincerete piatti, ma in proporzione meno consistenti di quelli finora vinti; anzi, al contrario ne perderete di più grossi, perché gli avversari vi faranno più spesso in bluff e voi, anche incosciamente e da iper-tight, sarete portati a giocare più loose.

In perdita perché probabilmente quegli avversari non fanno per voi, hanno note su di voi o più semplicemente è il giro sfortunato….cambiate aria!

La capacità di lasciare un tavolo in perdita è segno della vostra bravura molto più dei soldi vinti in una sessione.

https://i2.wp.com/www.ilgiornaledelpoker.com/wp-content/uploads/2017/08/cash_game.png?fit=600%2C300https://i2.wp.com/www.ilgiornaledelpoker.com/wp-content/uploads/2017/08/cash_game.png?resize=150%2C150Dott.FigioNewsNozioni di Pokercash game,news,pokerNel pomeriggio, dopo parecchio tempo, tornerò a fare una sessione di cash live. E allora mi sono detto…perché non dare quattro dritte ai miei lettori riprendendo articoli passati e facendone una sorta di mini-guida per i primi approcci al cash? Come prima cosa le prime partite a soldi veri “cash” vanno...Notizie sul gioco, news dai Casinò,  eventi internazionali e tornei di poker