Ho ricevuto diverse mail in redazione negli ultimi mesi. Era da tempo che non accadeva: da quando il nostro gioco preferito circa 3 anni fa ha iniziato a perdere appeal online e a guadagnarne live, anche se questo è tutto da dimostrare e i dati di “bilancio” di case da gioco online e casinò sono spesso contrastanti.

Che sia un segno?

Questo non lo so. Ciò che so è però è che tutte sono accomunate dalla domanda che mi pongo nel titolo: la matematica è così importante per esser profittevoli?

Che il gioco non sia tutta bravura e capacità è risaputo. Ci sono colpi fortunati e altri meno. Ci sono Momenti dove la fortuna conta molto (fasi giocabili post-bubble in un lungo Mtt) e altri dove conta meno (fasi iniziali in un grosso torneo MTT), solo per citare due palesi esempi.

Che il gioco non sia tutta psicologia è altrettanto noto: la capacità di leggere situazioni e avversari non è tutto; ma soprattutto: è per pochi. Scovare tell, sguardi, respiri, …ricordarsi sempre come Tizio gioca quella mano, da che posizione e come si comporta Caio…ce ne vuole di esperienza e di doti talvolta innate.

Cosa resta quindi per star a galla e compensare sfortuna e minori doti naturali di altri nel “leggere”?

La Matematica e la Statistica!

In questi anni abbiamo visto le percentuali di vincita in base a diverse starting-hands, il calcolo di odds, pot-odds e implied-odds. Abbiamo memorizzato percentuali basilari, nonché tecniche semplici per far calcoli statistici complessi nella “saga” delle probabilità…

Il gioco è quindi in fondo “matematica”.

Ripartirvi il quanto è davvero arduo: situazioni, tipologia di giocatori, psicologia, ecc.

Oggi però voglio rovinarmi…una ripartizione di massima e assolutamente generalista la voglio dare… Il Poker è Matematica al 50%, bravura e capacità al 30 e fortuna al 20. Quanti insulti mi staranno dando dei noti “pro” 🙂 O anche dei perdenti seriali…

Non bisogna esser geni della Matematica per esser profittevoli a poker: imparare “quattro” conti basilari e assimilare al meglio i concetti di odds e pot-odds sono la base essenziale per esser profittevoli nel medio periodo e iniziare ad abbattere la percentuale di fortuna e psicologia per innalzare, almeno al 50% sopra dichiarato, la percentuale di bravura.

Conclusioni? La bravura è nella matematica!

https://i1.wp.com/www.ilgiornaledelpoker.com/wp-content/uploads/2018/04/Matematica.jpg?fit=600%2C375https://i1.wp.com/www.ilgiornaledelpoker.com/wp-content/uploads/2018/04/Matematica.jpg?resize=150%2C150Dott.FigioNewsdottfigio,matematica,nozioni,pokerHo ricevuto diverse mail in redazione negli ultimi mesi. Era da tempo che non accadeva: da quando il nostro gioco preferito circa 3 anni fa ha iniziato a perdere appeal online e a guadagnarne live, anche se questo è tutto da dimostrare e i dati di “bilancio” di case da...Notizie sul gioco d’azzardo, eventi in casino, tornei, regole