Ripercorrere la serie di serie sul Betting di qualche anno fa e orientarla al solo gioco live sembra facile ma non lo è affatto.

Molti aspetti sono similari, è spesso il contesto di gioco che si modifica, quasi un’ovvietà, ma era da scrivere.

La volontà di provarci è però sempre ferma e quindi…eccoci qui a fare degli esempi concreti.

Se siete first-raiser, come nel gioco online, la vostra totale preoccupazione al post-flop, quando verosimilmente tutti vi lasceranno parola, è quella di mantenere solidità, mostrarsi molto sicuri e, praticamente sempre, andare di c-bet.

La sola differenza con l’Online? Mostrarsi “un po’ meno forti” dinanzi a vari call o a qualche donk-bet prima di voi post-flop…la regolarità di alcuni player e i tranelli dell’emozione live possono giocare brutti scherzi!

Quando invece non si sono mostrati i denti pre-flop né da parte nostra né da parte di avversari, allora possiamo esaminare alcuni aspetti per la “puntata corretta”.

La tipologia di giocatori al tavolo è Live molto più importante che online: meno history, nessun software, più emozioni, occhi, parole “ascoltate”. Più riuscite a targetizzare chi siede con voi e meglio si deciderà come, se e quanto puntare.

Se Online più un avversario è regular più saprà “foldare”, Live questo aspetto è ancora più accentuato, soprattutto in lunghi MTT.

La vostra posizione: anche in questo aspetto, come in tutti gli aspetti del nostro gioco preferito, essa è fondamentale. Live, ancora più che Online, lo è per la dimensione da dare alle chips che volete buttare nel piatto: non solo più aggressivi tanto più vicino al bottone, quanto anche più “spendaccioni” quando qualcuno siete certi chiamerà….

In linea assolutamente generale, per dare qualche numero, nel gioco live MTT una c-bet comune è di circa il 75% del piatto ad ogni giro. Questa percentuale scende se siete first-raiser preflop, ma con posizione meno valida.

La percentuale invece sale se vi sedete al cash: prima regola è quella di far fuori gambler rincorritori!

Al cash è raro che, con punto post-flop da first-raiser, mi trovo a puntare meno del piatto. A volte cerco di overbettare di più perché sempre più spesso capita di trovare al tavolo “maniac” che non sono così scarsi, ma semplicemente danno un valore diverso al Soldo di quello che noi comuni mortali vogliamo dare!

https://i0.wp.com/www.ilgiornaledelpoker.com/wp-content/uploads/2017/09/poker.png?fit=600%2C300https://i0.wp.com/www.ilgiornaledelpoker.com/wp-content/uploads/2017/09/poker.png?resize=150%2C150Dott.FigioNewsgioco,live,news,nozioni,pokerRipercorrere la serie di serie sul Betting di qualche anno fa e orientarla al solo gioco live sembra facile ma non lo è affatto. Molti aspetti sono similari, è spesso il contesto di gioco che si modifica, quasi un’ovvietà, ma era da scrivere. La volontà di provarci è però sempre ferma...Notizie sul gioco, news dai Casinò,  eventi internazionali e tornei di poker