Siamo sempre ai nostri esordi live dopo una buona gavetta online. Come cambia la strategia delle puntate dal gioco online?

Nei primi due articoli abbiamo parlato dei cambiamenti a livello generale, ora entriamo più nel dettaglio e, seguendo il percorso logico già posto anni fa quando ci eravamo occupati di Betting Online, partiamo dall’esaminare concretamente come porsi con le puntate se in possesso di mani forti o fortissime!

Per fare ciò partiamo dallo stesso “caso-esempio” che affrontammo parlando di online…

  • Abbiamo una coppia di JJ
  • Abbiamo massimo uno o due avversari contro in post-flop con nostro raise o re-raise preflop.
  • Non siamo così fortunati, ma “nella media”; ovvero siamo consci che mani così forti non arrivano così spesso e quindi siamo predisposti a giocarcele al meglio e renderle profittevoli quanto più possibile senza incappare in inutili perdite.

L’ammontare strategico della nostra puntata al flop (verosimilmente ci faranno parlare per primi gli avversari con dei check e noi si pensa più LP di loro) deve essere abbastanza ampio da non ritenere profittevole per chi ha “in mano-mente” progetti (odds sfavorevoli per chi chiama). Evitiamo pensieri del tipo: “quasi quasi metto poco, spero mi vada sopra, così io poi vasco…”…that’s not poker!

E in queste le nostre parole ripercorrono esattamente quanto suggerito per il gioco online.

Cosa fare di diverso Live?

Si può far più perno sull’history, il carattere, gli occhi di chi vi gioca contro. Lo stack vostro e altrui. La posizione. La distanza dalla bolla se in un MTT. Live i giocatori sono molto più tight vicino alla bolla di quanto non lo siano online.

Il minimo ¾ del pot è sempre una puntata ben più che consigliata: si eliminano molti più “progettatori” live che online…è ovvio!

Al turn…

Valgono più o meno le stesse idee e gli stessi ragionamenti.

Ma puntate…pure di più se necessario! Se siete stra-sicuri di aver il punto migliore inutile andare allin…puntate quanto basta per rendere pot-committed il vostro avversario al river così da vincere di più!

Ovviamente non disdegnate però l’ipotesi del “tutto-dentro” se siete un po’ short, soprattutto se i bui stanno inesorabilmente aumentando.

Al river infine parlando di betting online avevamo fatto un discrimine tra quattro situazioni che andiamo a riproporre.

  1. Se qualcuno può aver incastrato un progetto, ma non ne siete certi, comunque puntate!
  2. Se siete quasi sicuri che hanno la “second hand” puntate più che potete, ma una “size” che sia chiamabile (non sovrapuntate più del piatto ad esempio).
  3. Se pensate che qualcuno possa bluffare di aver centrato un progetto che invece avete fatto voi… fate check. Vincerete molte chips! O puntate se siete l’ultimo di LP.
  4. Se siete rimasti con la vostra mano forte e escludete i progetti…fate una buona value bet che induca chi ha “qualcosina” a darvi ancora qualche chips, ma difficilmente il piatto aumenterà ancora!

Live?

Fate attenzione al solo punto “a”: se avete un minimo dubbio di esser sotto, lasciate al river la fine dei check…volpi che vanno di check-raise bazzicano in tutti i casinò!

Su tutti gli altri punti le affinità sono totali.

Buon weekend!

Dott.Figio

https://i1.wp.com/www.ilgiornaledelpoker.com/wp-content/uploads/2016/02/betting-usa.jpg?fit=600%2C323https://i1.wp.com/www.ilgiornaledelpoker.com/wp-content/uploads/2016/02/betting-usa.jpg?resize=150%2C75Dott.FigioNewsbetting,gioco,live,news,nozioni,pokerSiamo sempre ai nostri esordi live dopo una buona gavetta online. Come cambia la strategia delle puntate dal gioco online? Nei primi due articoli abbiamo parlato dei cambiamenti a livello generale, ora entriamo più nel dettaglio e, seguendo il percorso logico già posto anni fa quando ci eravamo occupati di Betting...Notizie sul gioco, news dai Casinò,  eventi internazionali e tornei di poker