Il Razz è una delle varianti più divertenti del poker sportivo. Inserito nella categoria Stud poker, si gioca con 3 carte coperte e 4 scoperte per ogni giocatore.

L’obiettivo è quello di formare la mano più bassa possibile sommando le 7 carte.

Tre le differenze fondamentali fra Stud e Razz: il giocatore che deve iniziare il primo giro di puntate, quello che farà partire le mani successive e il metodo di assegnazione del piatto al vincitore.

Come nel tradizionale Texas Hold’em, saranno 5 le carte utilizzabili per cercare di vincere il piatto. Dal momento che lo scopo del gioco è quello di realizzare il punto più basso e che scale e colori non contano come punti alti, la migliore combinazione sarà quella formata da Asso, 2, 3, 4 e 5.

Nei 5 giri di puntate del Razz le carte vengono distribuite in senso orario. Il gioco inizia con la puntata Ante, da effettuare prima di poter partecipare alla mano. Dopo questa prima fase i giocatori ricevono 3 carte, due delle quali coperte.

Chi sarà in possesso della carta scoperta più alta dovrà effettuare il bring-in e parlare per primo, effettuando una puntata obbligatoria. In caso di carta uguale si guarderà il seme in quest’ordine, dal peggiore al migliore: fiori, quadri, cuori e picche.

Terminato il primo giro, i partecipanti al tavolo riceveranno una nuova carta scoperta, in gergo “Fourth Street”. In questa fase il primo a parlare sarà il giocatore con la mano più forte che potrà decidere di effettuare un check o puntare ulteriormente.

Lo stesso procedimento di gioco del Fifth Street e del Sixth Street, le due fasi successive. L’unica differenza riguarda le puntate che, da qui alla fine del gioco, dovranno essere tutte big bet.

La mano termina con il tradizionale River, chiamato Seventh Street nel Razz. Ai giocatori viene data l’ultima carta, questa volta coperta. Anche in questa fase sarà il giocatore con la mano più bassa a parlare per primo. Se al termine del giro finale di puntate è rimasto più di un giocatore, si procederà con lo Showdown per determinare il vincitore finale.

Nello Showdown il primo partecipante a parlare sarà l’ultimo ad aver effettuato una puntata nel turno precedente. Se non è stata effettuata nessuna azione al River, sarà il giocatore alla sinistra del mazziere a vedere e via gli altri rimasti in senso orario.

Come detto in precedenza, il giocatore con la combinazione più bassa di 5 carte vincerà la posta in palio. A differenza dello Stud, nel Razz non esiste un requisito minimo per considerare la mano low. In caso di parità i giocatori vincenti si divideranno il piatto in parti uguali, senza nessuna discriminante legata al seme delle carte.

Chiudiamo con due situazioni particolari: se il giocatore con la carta più alta alla Third Street si trova già All-in sarà il partecipante alla sua sinistra a effettuare il bring-in. Nel caso in cui le carte non siano sufficienti arrivati alla Seventh Street (lo Stud e le sue varianti vedono partecipare otto giocatori), l’ultima carta sarà comune a tutti i giocatori rimasti.

Sono stati scritti decine di testi sul poker sportivo e sulle sue varianti principali. Tra le più divertenti va inserito sicuramente il Razz, una disciplina che metterà alla prova anche i giocatori più esperti. Prima di cimentarsi con essa, il consiglio è quello di iniziare con lo studio del più tradizionale 7 card stud.

Una volta presa confidenza con le varie fasi del gioco e con il diverso modo di calcolare i punteggi, il Razz potrebbe rivelarsi una piacevole sorpresa per pensare fuori dagli schemi tradizionali, per allenare la pazienza e per elaborare nuove strategie da applicare in tutte le varianti del poker sportivo.

Foto: Pixabay.com

https://i2.wp.com/www.ilgiornaledelpoker.com/wp-content/uploads/2018/01/cards-766106_960_720.jpg?fit=960%2C640https://i2.wp.com/www.ilgiornaledelpoker.com/wp-content/uploads/2018/01/cards-766106_960_720.jpg?resize=150%2C150La RedazioneNewsnews,poker,razz,variantiIl Razz è una delle varianti più divertenti del poker sportivo. Inserito nella categoria Stud poker, si gioca con 3 carte coperte e 4 scoperte per ogni giocatore. L'obiettivo è quello di formare la mano più bassa possibile sommando le 7 carte. Tre le differenze fondamentali fra Stud e Razz: il...Notizie sul gioco d’azzardo, eventi in casino, tornei, regole